Pippi Calzelunghe - Pippi Longstocking



Pippi Calzelunghe - primo piano

"Pippi, Pippi, Pippi...che nome, fa un po' ridere...ma voi riderete di quello che farò...". Mi sono ritrovata a canticchiare sorridendo, mentre al contempo, cercavo di dare una forma a questo indimenticabile motivetto, e sono quasi certa che stia succedendo anche a qualcuno di voi, in questo preciso istante. 


Pippi Longstocking cake


L'alter ego locale di Pippi, un biondino tutto pepe che si vede sfrecciare in sella alla sua mini bici con l'immancabile caschetto protettivo ben calcato sulla testa, pare abbia cambiato residenza, prendendo pieno possesso di Villa Villacolle. Ho provato a dare una sbirciatina oltre il muro di cinta per vedere se Zietto e Signor Nilsson si trovassero nei paraggi ma probabilmente erano in casa.


Pippi Calzelunghe

Creare è un lusso, a volte un meraviglioso privilegio in cui tuffarsi di testa. Ti permette di saltare da un decennio all'altro, anzi, puoi fare un balzo indietro addirittura in un altro millennio e far finta di alzare un cavallo a pallini sopra la testa, avere una scimmietta sulla spalla e di poter fare tutto quello che ti passa per la testa. Pippi è la stata la prima rivoluzionaria in cui ci siamo imbattuti quando eravamo delle miniature di persone, geniale, indipendente, dal cuore infinitamente grande. Da qualche parte c'è un brandello di Pippi nascosto in ognuno di noi, un capello rosso, una calza, una sciarpa...Ogni tanto, andiamo a riprenderlo e lasciamolo tornare a galla..."Pippi, Pippi, Pippi...che nome, fa un pò ridere, ma voi riderete di quello che farò..."



Nessun commento:

Posta un commento